martedì 5 gennaio 2021

Il mio racconto "Il privilegiato" in edicola su Urania Collezione

Sull'appendice del numero di Urania di Gennaio 2021, "Starman Jones" di Robert Heinlein, comparirà il mio racconto "Il privilegiato". Anche se è il mio terzo a uscire su Urania, non ci si abitua mai e la soddisfazione è sempre grande.

Qui sotto la copertina:




mercoledì 14 ottobre 2020

Come leggo il tuo ebook se non ho un Kindle, un Kobo né un Tolino?

Bella domanda! Ti ringrazio per avermela fatta.

La diffusione degli eReader, come quelli citati nel titolo o tanti altri, è ancora limitata. Ma forse, dopo che ti ho perseguitato su tutti i canali social, vuoi leggere lo stesso il mio ebook, un po’ per farmi smettere e un po’ per non comprare il mio prossimo cartaceo, che costerà molto di più di due euro!


Ecco dunque alcuni suggerimenti:
  • Sul PC puoi scaricare un software gratuito come Calibre. Se hai acquistato il libro da una libreria online diversa da Amazon (per esempio, quella di Delos Digital), potrai scaricalo sul PC e aprirlo con uno di questo programmi. Se invece lo hai comprato su Amazon, sarà più semplice leggerlo con l’App Kindle per PC
  • Sul cellulare o sul tablet un’applicazione delle tante dispobibili è Aldiko Book Reader. In alternativa ci sono l'App Kindle (se l’hai comprato su Amazon) o App Kobo
Se hai altre domande, fammelo sapere e proverò a risponderti

martedì 13 ottobre 2020

Oggi è uscito in ebook, per Delos Digital, il mio racconto thriller "Come un supereroe", al costo di soli 1,99 €.

"Lui ti proteggerà dai pericoli, dalla vita e persino da te stessa. Ma chi ti proteggerà da lui?"

Ecco la quarta di copertina:

Quando il suo ex penetra in casa sua e la rapisce, Arianna crede che la propria vita stia per finire. Ma qual è il vero obiettivo di Adelmo? Dove la sta conducendo in piena notte? E perché colui che credeva simile a un supereroe ha deciso di farle del male?

Questa volta Arianna potrà contare solo su se stessa per liberarsi delle corde che le bloccano il corpo, e forse anche l’anima.

Se siete interessati all'acquisto, potete trovarlo

- Sul sito dell'editore: https://delos.digital/9788825413298/come-un-supereroe

- Su Amazon: https://www.amazon.it/Come-supereroe-Angelo-Frascella-ebook/dp/B08KZCX2YV

- Su Kobo: https://www.kobo.com/it/it/ebook/come-un-supereroe

Se poi volete ripassare da qui e dirmi se vi è piaciuto o meno, mi farà molto piacere


martedì 4 febbraio 2020

Dylan e non più Dylan...


NOTA: Questa non è una recensione


Da quando Roberto Recchioni ha preso in mano Dylan Dog è facile leggere commenti di vecchi lettori arrabbiati per i cambiamenti apportati alla serie. E più i cambiamenti si accumulano più questi fan si arrabbiano: Bloch in pensione? Scandalo! Dylan col cellulare? Anatema! Copertina con Dylan e Groucho che si sposano? Bestemmia!

A questo corrisponde, mese per mese, una difesa di quelli che la gestione di RRobe l'apprezzano.
Il risultato? Si parla di nuovo di Dylan (fra i lettori, nei social, persino nei quotidiani), la serie non è più cristallizzata nel ricordo dei "primi bellissimi albi" e poi dimenticata: quindi il risultato è stato ottenuto.


Con il 401. RRobe, però, osa l'inosabile: la riscrittura delle origini e la trasformazione del personaggio.
Senza scomodare i mostri sacri (per esempio la riscrittura delle origini di Batman e Daredevil a opera di Frank Miller) il reboot dei personaggi è normale nei fumetto DC e Marvel, ma non è nemmeno completamente nuovo per la Bonelli. Lo hanno fatto per Martin Mystere e per Nathan Never (in particolare con la bellissima miniserie "Nathan Never - anno zero"), ma sempre all'esterno degli albi mensili.

Per Dyd, invece, l'evento è all'interno della serie principale. Nonostante questo, non do per scontato che questo Dylan barbuto continuerà a essere il protagonista anche dopo la fine di questo ciclo di sei albi. Ovviamente la mia è solo un'ipotesi non suffragata da prove. Ma, se così fosse, non ci sarebbe nulla di strano visto che la serie regolare ha ospitato storie come "L'ultimo uomo sulla Terra" e "La storia di Dylan Dog" senza alcuno scalpore. Vedremo...
Per quello che riguarda me, per il momento questo 401 ha soddisfatto le mie aspettative e sono curioso di vedere come andrà avanti.
PS: dalla foto non si vede, ma la copertina è dorata e bellissima. All'interno i disegni di Corrado Roi sono magistrali come sempre

lunedì 20 gennaio 2020

Disavventure libresche: la libreria che ti chiede di pagare per presentare


Negli ultimi giorni mi sto muovendo per cercare un posto in cui presentare "Quando scenderà la notte".
Fra le tante librerie che hanno già le agende piene (una delle quali ha, con grande gentilezza scelto spontaneamente di ordinare lo stesso il libro e tenerlo negli scaffali), mi è capitata anche una pessima sorpresa.
Una libreria (di una grande catena) mi ha detto che "la loro nuova politica è concedere la sala per le presentazioni dietro pagamento di 200 Euro".

Ora considerate che:

1 - una presentazione dura tre da quarti d'ora a un'ora massimo (e con quella cifra potrei passare due o tre notti a Roma in un albergo 4 stelle)

2 - il supporto che di solito dà una libreria a una presentazione di questo tipo è quasi sempre minimo: ti concede lo spazio, ma non fa il minimo sforzo per attirare persone. A quello devi pensarci tu

3 - la percentuale che prende uno scrittore su ogni volume venduto è il 10%: quindi per un libro che costa 13 Euro, l'autore guadagna di 1,3 Euro a volume (che gli saranno versati, se è fortunato un anno dopo). Per rientrare di quelle 200 euro, quella sera dovrebbe perciò vendere 150 volumi circa (numero che, vi assicuro, per una casa editrice piccola si avvicina alla tiratura).

Capite dunque l'assurdità della richiesta?

Certo, sappiamo che in Italia vengono  pubblicati sin troppi libri e di conseguenza le librerie sono sommerse di richieste. Ma non sarebbe più dignitoso rispondere (come hanno fatto altri): "ho già troppe presentazioni in calendario, mi dispiace" che provare a speculare sulle spalle dell'emergente, mettendosi a livello degli editori a pagamento?

lunedì 13 gennaio 2020

Il Kindle e gli inserti pubblicitari

Qualche mese fa ho preso un Kindle in offerta. Quello che non avevo capito quando l'ho acquistato è che non si trattava di un vero sconto. Pagarlo meno, implicava accettare inserti pubblicitari sul dispositivo: così, quando spengo il lettore, invece di mostrare la copertina del libro che sto leggendo il dispositivo mette in bella mostra delle pubblicità di libri come quella in foto:

Pagando, potrei evitare questi spot (non fatevi ingannare dalla scritta sul tasto "cancella con 1-Click" a quel click corrisponde l'addebito...):



Ora capite perché mi mostra copertine simili? Amazon non vuole davvero fare pubblicità a quel libro. Vuol solo mettermi in imbarazzo per costringermi a pagare...

giovedì 2 gennaio 2020

Il mio 2019 in libri


Ecco il mio 2019 in libri: un romanzo pubblicato e tre racconti (di cui uno su Urania!).
Nonostante non sia particolarmente bravo a promuovermi, qualche lettore è venuto persino a cercarmi sui social, di sua spontanea volontà.
Buoni propositi per il 2020: scrivere ogni giorno e provare nuove strade narrative